Il Silvio Grillo

PDFStampaE-mail

alt Dal mese di Maggio in libreria è possibile trovare una bella pubblicazione scritta dall’amico Fausto Pellegrini, oggi giornalista RAI, già vicedirettore di questa testata: "La bisaccia del giornalista". Una ricerca intellettuale su chi siamo, dove andiamo e come, utilizzando quale lente di ingrandimento il percorso dell’informazione ed il mondo dei media.
Quando l’autore illustra il passaggio dell’informazione dalle radio libere alle televisioni commerciali, non si limita a parlarci del mondo dei media, scrive un pezzo di storia di Italia, perché il successo politico nasce non solo dal controllo degli strumenti di comunicazione di massa, ma anche dalla capacità di utilizzarli.
Berlusconi ha avuto l’uno e l’altra e, quindi, i suoi avversari politici gli hanno addebitato di aver violato le regole del gioco, tanto più che, andando al potere, ha avuto la possibilità di incidere anche sul servizio pubblico.
Ho sempre ritenuto tale accusa fondata solo in parte, in quanto a Berlusconi si sono contrapposti dei validissimi networks economico editoriali, capeggiati dal gruppo La Repubblica / Espresso, che hanno privilegiato altri strumenti di comunicazione di massa, più tradizionali, ma tuttora altamente validi, anche perché indirizzati a fasce culturalmente più elevate e, quindi, con capacità di avvalorare il messaggio ricevuto e ritrasmetterlo sotto forma di docenza.
La mia analisi del berlusconismo si scontra spesso con quella degli amici di sinistra, in quanto essi ritengono che il leader del PDL sia la causa dell’attuale degrado culturale e morale della società.
E’ pacifico che tale degrado esista e che un certo modo di fare comunicazione si innesti in tale fenomeno, accentuandolo, ma non è metodologicamente corretto confondere i sintomi della malattia con le cause.
Le televisioni commerciali hanno preso il posto delle radio libere non perché Berlusconi ha fondato la Fininvest, ma perché l’evoluzione della tecnica rendeva economicamente inattuale sia il monopolio della RAI che il sistema para volontaristico sul quale nacquero le prime emittenti sull’onda dell’entusiasmo per le nuove possibilità di comunicare.
E’ stata la legge economica ad imporre la creazione dei network televisivi, pena la morte di ogni sistema alternativo alla comunicazione di stato.
Berlusconi ha intuito prima degli altri non solo dove andava il mondo della comunicazione, ma che la gente voleva un certo tipo di comunicazione e gliel’ha data, esattamente come è sempre avvenuto nel mondo.
I sovrani, ora con le feste popolari ora  con le esecuzioni in piazza, soddisfavano le esigenze popolari. Gli stati repubblicani, anche ad alto tasso di democrazia, come gli Stati Uniti, non si discostano di molto, con le immagini della sedia elettrica, dell’impiccagione di Saddam Hussein, della guerra in diretta e, anche, con il seppellimento in mare di Bin Laden.
E la democrazia italiana, con piazzale Loreto, non ha scelto di nascere dando in pasto ai sentimenti viscerali di un popolo, che non ne poteva più di morti e distruzioni, il cadavere del responsabile dell’evento e delle persone che gli sono rimaste vicine sino all’ultimo?
Basta andare in giro per il mondo e, nella propria stanza d’albergo, accendere la televisione ad audio spento per capire dalle immagini che Berlusconi è il frutto italiano della società non solo occidentale degli ultimi quaranta anni: un uomo che ne ha capito il funzionamento, le potenzialità degli strumenti tecnici ed ha avuto la capacità di cavalcare la tigre, assecondando le pulsioni popolari in luogo di tentare di guidarle.
La conseguenza o, a tutto voler concedere, il male della democrazia, ma non la causa della malattia.
Mentre i pseudo intellettuali si concentravano sul diavolo Silvio, impedendogli di invecchiare serenamente allietato dalle spudorate cortigiane del terzo millennio, qualcun altro studiava i mezzi di comunicazione di massa, faceva cioè lo stesso lavoro che fece Berlusconi negli anni ’70.
Sia l’ottusità che la prosopopea del potere rendono ciechi, così nessuno si è accorto che Beppe Grillo ha iniziato molti anni fa il percorso che oggi ha portato il movimento Cinque Stelle ad apparire come una nuova Lega Nord in versione nazionale.
Eppure l’artista cinque anni fa, nel 2007, tenne una conferenza al Parlamento Europeo in materia di nuove tecnologie, in altra occasione si presentò quale azionista all’assemblea dei soci della Telecom Italia per fare un intervento show e, ancora, scorrendo il suo curriculum, si troveranno centinaia di iniziative che forse alcuni hanno ritenuto comiche, ma in realtà rivelano una sottile pianificazione unita all’intuito dell’uomo di spettacolo che sa quale possa essere la reazione del suo pubblico.
Gli elettori come spettatori, ai quali strappare il voto anziché l’applauso, o magari entrambi.
Lasciarsi andare a facili battute, giocando sulla parola <<comico>>, per far credere che chi fa ridere gli altri sia in realtà un minus habens, significa non aver letto l’Amleto di William Shakespeare, fingersi pazzo per poter essere libero e dire la verità.
A’ livella, la poesia di Totò, non è stata da lui scritta per far ridere gli altri, ma è la denuncia sociale di un uomo nato Principe, che scelse di lasciare spazio alla propria umanità facendo ridere la gente, conscio che i principi si dimenticano, chi ha permesso ad un essere umano di abbandonarsi in una risata rimarrà sempre nel suo cuore.
Un comico può permettersi di tutto, anche di dare della salma al Presidente Napolitano senza essere denunciato per vilipendio al Capo dello Stato, cosa viceversa avvenuta in 24 ore ad un senatore della Repubblica per una critica politica.
Più i politici lo attaccano e più gli danno linfa vitale: lo ha capito Berlusconi, che va alle udienze del Tribunale di Milano perché, dopo le dimissioni, senza i processi, sarebbe caduto nell’anonimato; lo disse Mussolini, di cui si discute come se fosse vivo a 65 anni dalla morte: parlate male di me, purché parlate…

di Romolo Reboa*

* Avvocato del Foro di Roma

Fondo 4_2012