A fronte di un sistema giudiziario notoriamente lento come quello italiano, il cittadino che si trova coinvolto in un procedimento giudiziario civile, penale o amministrativo, qualora i tempi di durata del processo siano eccessivi, ha diritto ad un indennizzo. Attualmente quantificato dalla giurisprudenza in € 1.000-1.500 per ogni anno eccedente il termine ragionevole di durata del processo. Termine, che è di tre anni per il primo grado di giudizio, due anni per il secondo grado di giudizio e un anno per il terzo grado di giudizio.

Nel caso di controversie in materia di famiglia, di status della persona, procedimenti penali, pensionistici, lavoro, contenziosi che incidono sulla vita o sulla salute della persona, tale somma può arrivare fino ad € 2.000.

Il diritto all’equa riparazione trova il suo fondamento giuridico nella Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo (C.E.D.U.) firmata dall’Italia a Roma il 4 novembre 1950 e ratificata con legge il 4 agosto 1955 n. 848: “ Ogni persona ha diritto ad un’equa e pubblica udienza entro un termine ragionevole…..” (art. 6 par. 1 C.E.D.U.).

Con l’emanazione della legge 89 del 24 marzo 2001 (c.d Legge Pinto) il Legislatore ha disciplinato la procedura per ottenere l’equa riparazione, consentendo al cittadino di ricorrere al Giudice nazionale senza dover adire la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo di Strasburgo.

Il ricorso può essere proposto, da tutte le parti in causa indipendentemente dall’esito della causa, senza che sia necessario attendere la definizione del procedimento in corso. In questo caso, la domanda iniziale verrà integrata, al termine della lite, da ulteriore richiesta.

L’interessato decade dalla possibilità di proporre ricorso, trascorsi sei mesi dal passaggio in giudicato della sentenza definitiva.

A tal fine lo Studio Legale Reboa ha predisposto una convenzione che pone a carico dello Studio gli oneri, i diritti e le spese giudiziarie, mentre solo in caso di accoglimento della domanda risarcitoria, l’assistito riconoscerà allo Studio una quota del liquidato giudiziario a titolo di indennizzo.